Che differenza fa?

Quale differenza fa il credere o il non credere nelle possibilità della persona? Quale differenza fa il mio comportamento con gli altri?

Il non credere è una sentenza… una condanna al permanere di una situazione, e nel tempo al suo deteriorarsi. E’ prevedere un futuro già scontato, una storia che si ripete su se stessa.

il credere nelle possibilità di una persona è aprirsi a un divenire, un lasciarsi sorprendere continuo, è dare forza alle energie della persona stessa, è considerare un futuro non prevedibile .

Il mio atteggiamento fa la differenza perché apre o chiude a possibilità… per lui, per lei si tratta di essere riconosciuti nel diritto di esistenza come individui …per me di essere differenti1aprirmi a punti di vista differenti.

Credo si tratti di differenziarsi, di non percepire l’altro e l’altra come proiezione di sé, come continuazione di sé, ma distinti appunto perché “altri”. E nel differenziarsi scoprire la ricchezza che l’altro e l’altra portano all’incontro con noi, e l’occasione di arricchimento che ci viene data nello scambio.

L’essere riconosciuti anche nei bisogni più profondi è poi fortemente “energetico”, è esistenziale.

Ecco un video interessante che mostra “quale differenfa faccio io per gli altri” La rana sorda

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...